Ci sono due soli modi di conoscere le cose.

Farsele raccontare oppure farle.

Un poco come la vita.

Viverla o farla vivere agli altri.

Le immagini e i testi pubblicati in questo blog sono coperte da © ® diritto d'autore e registrate. Vietato l'utilizzo anche parziale delle immagini e dei testi che appartengono all'autore come lo sfruttamento delle stesse.

All images are copyrighted and are owned by the photographer who created them. Under no circumstance shall these digital files, images, or text be used, copied, displayed or pulled from this site, without the expressed written consent of the photographer.

Toadas las imagenes publicada en esto blog son de mi autoria y estan subjetas a derechos

venerdì 14 giugno 2019

Some places call you. Some places are those where live your dreams.

Riprendo dopo mesi il mio resoconto di viaggio in terra di Oz. Credo che ci siano delle sensazioni che avverti non coscientemente che ti spingono a prendere decisioni apparentemente casuali, ma in fondo perfette. Accadono certe cose incredibili. Ho cercato il Cassowary in lungo e in largo per giorni nei suoi luoghi tipici, ma nulla. Era un fantasma. Avevo fatto levatacce e ripercorso più volte le tracce dove gli avvistamenti erano più frequenti, ancora nulla. Ho preso secchiate d’acqua e fatto scarpinate nel folto della foresta tropicale in mezzo al fango e inzuppato di sudore. L’unica cosa che avevo trovato della sua presenza era…una merda! Merda di Cassowary! Ormai ci avevo quasi rinunciato.

Decido di restare in area perché voglio acquistare un secondo corpo macchina fotografica da tenere come emergenza. Il venditore, dove ho acquistato online, mi ha mandato un’ottimo usato e ne ha un altro disponibile in arrivo tra qualche giorno. Una settimana che mi da tempo di verificare se il meteo a sud migliori. Devo andare proprio li, seguendo l’estate australe che sembra essere in ritardo. 

Faccio base al Russell River National Park dove posso raccogliere molluschi a profusione, campeggiare all’ombra fronte mare e visitare qualche spiaggia nei dintorni. Il caldo e l’umidità sono allucinanti. Di sera si boccheggia e con molta attenzione faccio brevi bagni durante il giorno visto che i coccodrilli sono di casa.

Le scelte non sono tante e trascorro la giornata a Etty Bay, graziosa e minuta. Quello che è successo poi è stato un tripudio di emozioni. I Cassowary spuntavano ovunque e ne ho contati ben 5 esemplari in una giornata. Ho pure provato il brivido, di un incontro molto ravvicinato e non richiesto con una femmina molto curiosa!

Questo mi fa pensare che sto giro sarà anomalo, come il meteo. Sarà difficile, pieno di imprevisti e tosto come non mai. In effetti sarà così. Ma che dire, certi luoghi ti chiamano irresistibilmente o casualmente ci vai a sbattere contro. Razionalmente non ci andresti mai, apparentemente sono uguali a tanti altri ma, incredibilmente, è dove buona parte dei tuoi sogni posso materializzarsi e dove scoprirne di nuovi. Alcuni posti ti chiamano. Alcuni posti sono quelli in cui vivono i tuoi sogni. 


Etty Bay





"Cassowary Paradise"













Cassowary attack!


Russel River National Park
















domenica 9 dicembre 2018

between the Tableland and Cassowary Coast

Di ritorno da Cape York, incontro Karen e Patrick, che mi avevano offerto la loro casa nel periodo dei preparativi prima della mia partenza. Loro sono tornati perché hanno deciso di trasferirsi più a sud (1600 km, sempre nello stesso stato!) e li aiuto nel trasloco. Nel frattempo l’auto rimane un paio di giorni in officina per un controllo. Sono in attesa di un nuovo corpo macchina  fotografico e un telo anti pioggia per la mia tenda. Dopo pochi giorni lasciamo tutti la casa, mentre gli addetti al trasloco, smontano i mobili e riempiono un gigantesco container.

Mi metto in strada e rimango, in area per circa una settimana. Mi muovo tra, l’altopiano delle Tableland e la Cassowary Coast. Paesaggi contrastanti: tra foreste fittissime, cascate, pascoli brulicanti di mucche, piccoli paesini di stile middle europeo, foresta tropicale costiera e infine spiagge dorate o scogliere a strapiombo. Dove si può incontrare di tutto o quasi; dalle tartarughe marine e d’acqua dolce, dai varani ai canguri, dalle aquile costiere fino al tipico uccello australiano, il Kookaburra.

Sono sbalordito da questi cambiamenti in pochissimi chilometri. In uno stesso giorno, puoi fare il bagno nelle sorgenti termali calde, poi in una cascata e infine nel mare. 

Percorro tracce nel fitto della foresta negli orari più indicati per incontrare il famoso Cassowary, sempre più raro. Nulla. Questa volta si fa negare e non riesco proprio a incontrarlo. Ormai si sta avvicinando la stagione umida, il caldo aumenta così come le perturbazioni. Il cielo spesso è coperto. Una pioggia fine lascia spazio a  brevi temporali, che abbassano la temperatura e aumentano l’umidità. Visito alcune delle cascate più stupefacenti, lontano dai percorsi più trafficati, come le Blancoe Falls. I parchi sono semivuoti e praticamente mi ritrovo frequentemente di fronte a una cascata, una spiaggia, un fiume con nessuno a perdita d’occhio.

Campeggiare all’ombra della foresta e a pochi metri dal mare o su un fiume riconcilia. Mette al suo posto un sacco di cose. 

Ci sono sempre delle scoperte, specialmente nella foresta pluviale. Sono incantato dalla moltitudine di strane forme, colori e varietà che hanno semi, frutti e radici degli alberi. Un poco meno da un paio di sanguisughe che vorrebbero farmi un prelievo sanguigno non autorizzato. 

Infine mi piazzo un paio di giorni in un parco marino che mi piace un sacco. Sulla spiaggia raccolgo facilmente telline gigantesche e multicolore. Sono strepitose, buone anche crude. Sono ovunque, aspettando il momento della bassa marea.  Mi fermo alle dimensioni del mio piccolo tegame e mi tocca rigettarne una buona parte. Il giorno dopo, replico!

Ormai è tempo di ritornare a Mareeba. Sono arrivati i miei pezzi di ricambio. Salutare Theresa e Johnny, i miei amici australiani e,  piano piano, dirigermi verso sud.

Ma come spesso accade, c’era qualcosa che non andava. Mancava qualcosa. Non era ancora tempo di lasciare definitivamente Mareeba e il nord del Queensland. Come ogni storia, c’è sempre un finale a sorpresa. Posso dire che da queste parti le sorprese sono quotidiane. Oppure, sono fortunato. Ma anche la fortuna va incoraggiata. Il biglietto per il giro in giostra lo devi comperare, e poi, ci devi salire! Ma questo, ve lo racconterò nel prossimo post!


australian country dog



Herbeton



Ravenshoe


Innot Hot Springs
(Thermal water/acqua termale)



funny Mail Box






Pepina Falls




leech/sanguisuga


Souita Falls


Millaa Millaa Area





Millaa Millaa Falls


Zillie Falls


Ellinjaa Falls



Russell River National Park
collected and cooked/raccolte e cucinate




between beach and river/tra spiaggia e fiume












crocodile footprints/impronte di coccodrillo





Wooroonooran Nationl Park Area
Josephine Falls





Cassowary Coast
Tam O'Shanter Nationl Park Area




Saw-shelled Turtle/tartaruga d'acqua dolce


Mission and South Mission Beach
beaches





South Mission Beach Area
Kennedy Walking Track

Lovers Beach


Lugger Bsy





Natural Rock Pool/Piscina di roccia naturale




Dunk Island


Turle/tartaruga marina


Turle Bay


Kennedy Bay


Eagle/aquila


Tam O'Shanter Nationl Park Area
Licaula Walk Track





Kookaburra


Tully Town
Tully Sugar Mill/Mulino-Raffineria di Zucchero


Golden Gumboot/Stivale d'Oro


Murray Upper National Park Area
Murray Falls










Girringum National Park
to Blancoe Falls via Kirrama Road


Blancoe Falls




Aggiungi didascalia



Bush Camping at Blancoe Creek









Goanna/Varano


Wooroorooran National Park Area


Silver Falls


Nandroya Falls





Wallacha Falls









Tchupala Falls


Mount Hypipamee National Park
Dinner Falls



Landscape/Pasaggio


Malanda Theatre


Yungaburra


Curtain Tree Fig National Park